Processo esecutivo e presupposti per l’accertamento della usucapione abbreviata

Tribunale Napoli, 18 Luglio 2019. Est. Maria Rosaria Giugliano.

Il Giudice dell’esecuzione non può d’ufficio accertare l’intervenuta usucapione abbreviata ex art. 1159 c.c., essendo all’uopo necessaria una specifica domanda che può essere eventualmente proposta anche in via surrogatoria dal creditore procedente.

La vendita, da parte di uno dei coeredi, del bene ereditario che costituisce l’intera massa ereditaria, a differenza della vendita dei diritti su singoli bene ereditari, è valida ed efficace come vendita della quota di comproprietà spettante al cedente in quanto l’effetto traslativo non è subordinato all’assegnazione della quota su detto in sede di divisione (Cass., sez. II, 19/02/2019, n. 4831; Cass., sez. II, 10/12/2014, n. 26051).

Nella fase cautelare dell’opposizione endoesecutiva rimane fermo l’esercizio dei poteri di ufficio del G.E. di direzione e controllo degli atti del processo esecutivo, che possono essere esercitati anche ai fini dell’utile prosecuzione del processo esecutivo (V. http://mobile.ilcaso.it/sentenze/ultime/22330).

Leave a Reply